Truffati dalla Cooperativa

Mafia capitale – COOP Lazio – Pd

23 Ottobre 2016
di mikelee
0 commenti

COORDINAMENTO NAZIONALE SOCI COOPERATIVE IN CRISI

Il successo di partecipazione e la qualità degli interventi, che hanno caratterizzato il convegno sulla crisi della cooperazione e tutela del prestito sociale organizzato a Reggio Emilia dal Coordinamento Nazionale Soci delle Cooperative congiuntamente alla Federconsumatori Nazionale, è conferma dei giusti obiettivi e del positivo lavoro svolto dal Coordinamento e rappresenta un importante passo avanti volto al coinvolgimento e responsabilizzazione su questa tematica dei principali interlocutori politici ed istituzionali a livello nazionale, del mondo della

Cooperazione in particolare.  Si tratta ora, di sollecitare le diverse parti coinvolte, al mantenimento degli impegni e delle disponibilità pubblicamente manifestate nel corso del convegno, a cominciare dalle iniziative urgenti e concrete a sostegno del risparmio dei Soci prestatori coinvolti ed a tutela dei legittimi diritti dei soci assegnatari, alle proposte rivolte a introdurre le opportune correzioni alla legislazione Nazionale in materia di cooperazione ed in particolare sul prestito sociale.

In questo quadro, si inserisce la recente approvazione da parte della Regione Emilia-R della nuova normativa che regolamenta la possibile cessione del patrimonio della indivisa, e quindi la libera scelta per i soci assegnatari di procedere alla acquisizione degli alloggi, opportunità questa, che auspichiamo possa trovare il giusto sostegno e corretta attuazione da parte dei soggetti preposti alla sua applicazione.

Mentre sollecitiamo nuovamente con forza Legacoop ai diversi livelli, per le responsabilità che le competono, di abbandonare la logica sin qui seguita di una insufficiente ed iniqua solidarietà verso i soci prestatori, molto differenziata fra le diverse realtà territoriali e quindi causa di inaccettabili trattamenti fra i soci, chiediamo siano mantenuti nei tempi previsti gli impegni già presi nei confronti dei prestatori sociali nella erogazione dei contributi di solidarietà promessi.

Nei prossimi giorni, il Coordinamento, congiuntamente alla Federconsumatori Nazionale, si farà promotore di una serie di incontri con le Istituzioni e con Legacoop, con l’obiettivo di accelerare il confronto e quindi le possibili iniziative volte al raggiungimento degli obiettivi a tutela dei soci delle cooperative in crisi e soggette a procedure fallimentari.

2 Giugno 2016
di mikelee
0 commenti

Cooperativa Deposito Locomotive Roma San Lorenzo: l’ordinanza del Gip

In un caso l’emergenza abitativa romana si lega con i problemi finanziari di una cooperativa che si trova in possesso di 14 appartamenti invenduti. Ma di questo si interessa subito un funzionario della Regione Lazio, Magrini, mettendosi in collegamento con l’ex assessore alla Casa del comune Ozzimo. Affari che si fanno anche grazie all’intermediazione di Salvatore Buzzi, amico del Presidente Cooperativa Deposito Locomotive Roma San Lorenzo, Santino Dei Giudici.   Dall’ordinanza. “Se l’emergenza utilizzata come strumento di corruzione è l’emergenza alloggiativa a Roma, l’emergenza che costituisce il primum movens dell’illecito è quella finanziaria esistente nella Società Cooperativa Deposito locomotive di Roma San Lorenzo, oberata di debiti, assillata dalla necessità di dover pagare cambiali, con asset invenduti costituiti da 14 appartamenti in zona Case Rosse – Settecamini.

Continua a leggere →